, Definizione delle classi laser

Classi di laser secondo la norma DIN EN 60825-1/11.01

Z-LASER produce i suoi prodotti secondo gli standard internazionali e dichiara le classi laser dei suoi prodotti secondo le norme EN 60825-1, IEC 825-1 e 21 CFR 1040. La classe laser si trova sull’adesivo giallo o nero/bianco/bianco/rosso (USA) che si attacca ad ogni laser o sul suo tappo oscurante avvitato.

Le misure di sicurezza risultanti dalla rispettiva classe laser devono essere rigorosamente rispettate (vedi UVV e norme).

Questo adesivo di avvertimento non deve mai essere rimosso!

Laser Classe 1

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

La radiazione laser accessibile è innocua in condizioni prevedibili.

Nota:

Le condizioni prevedibili sono soddisfatte durante il normale funzionamento. Il valore limite della radiazione accessibile secondo la norma DIN EN 60825-1:2001-11 nella gamma di lunghezze d’onda da 400 nm a 1400 nm per la classificazione di un laser è lo stesso tra 100 s e 30000 s.

Laser Classe 1M

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

La radiazione laser accessibile si trova nel campo spettrale visibile da 400 nm a 700 nm. È innocuo per l’occhio in brevi tempi di esposizione (fino a 0,25s), purché la sezione trasversale non venga ridotta da strumenti ottici (lenti di ingrandimento, lenti, telescopi)! Ulteriori componenti di radiazione al di fuori dell’intervallo di lunghezza d’onda di 400-700 nm soddisfano le condizioni della classe 1 M.

Nota:

A meno che non si utilizzino strumenti ottici per ridurre la sezione trasversale del fascio, i dispositivi laser di classe 2M presentano un rischio paragonabile a quello dei dispositivi laser di classe 2.

Quando si utilizzano strumenti di raccolta ottica, possono verificarsi pericoli paragonabili a quelli delle classi 3R o 3B.

Laser Classe 2

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

La radiazione laser accessibile è solo nel campo spettrale visibile (da 400 nm a 700 nm). È innocuo per l’occhio per un breve tempo di esposizione (fino a 0,25 s). L’occhio è protetto dal riflesso di chiusura della palpebra quando si guarda nella radiazione laser per un breve periodo di tempo. Per i laser a fascio continuo della classe 2, il valore limite di radiazione accessibile (GZS) è di 1 mW (per C6 è uguale a 1).

Misure di sicurezza

Gli apparecchi laser di classe 2 possono essere utilizzati senza ulteriori misure di protezione, a condizione che sia garantito che non sia possibile guardare intenzionalmente la radiazione laser per più di 0,25 s né guardare ripetutamente la radiazione laser o la radiazione laser direttamente riflessa.
Nel caso di apparecchiature laser di classe 2, in genere non vi è alcuna area laser che richieda misure di sicurezza aggiuntive se il funzionamento di tali apparecchiature laser consente solo l’irradiazione accidentale di persone.

Laser Classe 2M

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

La radiazione laser accessibile è solo nel campo spettrale visibile (da 400 nm a 700 nm). È innocuo per l’occhio per un breve tempo di esposizione (fino a 0,25 s). L’occhio è protetto dal riflesso di chiusura della palpebra quando si guarda nella radiazione laser per un breve periodo di tempo. Per i laser a fascio continuo di classe 2M, il valore limite di radiazione accessibile (GZS) è di 1 mW (per C6 è uguale a 1).

Misure di sicurezza

Gli apparecchi laser della classe 2M possono essere utilizzati senza ulteriori misure di protezione se è garantito che non è possibile né uno sguardo intenzionale sulla radiazione laser per più di 0,25 s né uno sguardo ripetuto sulla radiazione laser o sulla radiazione laser direttamente riflessa.
Inoltre, si deve garantire che nell’area della proiezione non vengano utilizzati strumenti di raccolta ottica.
Nel caso di apparecchiature laser di classe 2M, non c’è generalmente alcuna area laser che richieda una protezione aggiuntiva se è possibile solo un’irradiazione casuale delle persone quando si utilizza questa apparecchiatura laser e non vengono utilizzati strumenti di raccolta ottica.

Laser Classe 3R

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

I dispositivi laser di classe 3R sono potenzialmente pericolosi per gli occhi. Il rischio di danni agli occhi è ridotto dal valore limite della radiazione massima accessibile (GZS) di:

5 volte il valore limite della classe laser 2 nel campo di lunghezza d’onda visibile
5 volte il valore limite della classe laser 1 nel campo di lunghezza d’onda rimanente

Per i laser ad onde continue di classe 3R, il limite di radiazione accessibile (GZS) è di 5 mW (per C6 è uguale a 1) nel campo di lunghezza d’onda visibile.

Misure di sicurezza

Per i laser di classe 3R e superiore è necessario nominare un responsabile della sicurezza laser!

I corsi per i responsabili della sicurezza laser sono offerti in Germania dal TÜV, da associazioni professionali o istituzioni simili.

I riflessi accidentali devono essere evitati.  Gli indicatori del fascio, l’interblocco e gli interruttori a chiave non sono necessari nel campo delle lunghezze d’onda visibili. Non sono necessari requisiti particolari per quanto riguarda i dispositivi di protezione degli occhi e gli indumenti protettivi. Il personale operativo e di manutenzione deve essere addestrato a maneggiare le apparecchiature laser.

Laser Classe 3B

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

La classe laser 3B è pericolosa per gli occhi e potenzialmente anche per la pelle. Le persone non devono essere esposte al raggio laser. La radiazione laser diffusa non è pericolosa se la distanza di visualizzazione di 13 cm e un tempo di visualizzazione inferiore a 10 s sono garantiti. C’è pericolo di incendio se il raggio laser entra in contatto con materiali infiammabili.

Il valore limite della radiazione massima accessibile (GZS) è di 500mW.

Misure di sicurezza

Durante l’impostazione e il lavoro all’interno del campo di lavoro del raggio laser, devono essere indossati indumenti protettivi adeguati, occhiali di sicurezza laser e guanti. L’area di lavoro del raggio laser deve essere indicata con appositi segnali di avvertimento.
Le apparecchiature laser devono essere protette contro l’uso non autorizzato. Un’ulteriore spia luminosa visiva “Laser in funzione” deve essere utilizzata per segnalare l’accensione del laser. La lampada di segnalazione deve essere chiaramente visibile anche da una distanza maggiore. Il raggio laser non deve disperdersi al di fuori dell’area di lavoro prevista. Non devono esserci superfici riflettenti nell’area di lavoro.

Laser Classe 4

, Definizione delle classi laser

Livello di pericolo

.

La radiazione laser accessibile è molto pericolosa per gli occhi e pericolosa per la pelle. Anche le radiazioni diffuse diffuse possono essere pericolose. La radiazione laser può causare rischi di incendio e di esplosione.

Misure di sicurezza

La radiazione laser accessibile è molto pericolosa per gli occhi e pericolosa per la pelle. Anche le radiazioni diffuse diffuse possono essere pericolose. La radiazione laser può causare rischi di incendio e di esplosione.
Nota: I dispositivi laser di classe 4 sono laser ad alta potenza la cui potenza di uscita o energia supera i limiti di radiazione accessibile (GZS) per la classe 3B.
La radiazione laser da dispositivi laser di classe 4 è così intensa che ci si può aspettare danni agli occhi o alla pelle da qualsiasi tipo di esposizione. Se necessario, assicurare l’accesso al locale tramite chiuse o contatti della porta (spegnimento del laser) se il grado di pericolo lo richiede.
Inoltre, quando si utilizzano apparecchi laser di classe 4, si deve sempre verificare se sono state prese misure sufficienti contro i rischi di incendio e di esplosione; vedi anche § 10 Radiazioni laser (in precedenza: BGV B2) e § 16 Radiazioni laser (in precedenza: BGV B2) delle norme per la prevenzione degli infortuni da radiazioni laser.

Misure di sicurezza dettagliate si trovano nel regolamento DGUV n. 11 (precedentemente BGV B2) “Normativa antinfortunistica sulle radiazioni laser” e nella “Normativa sulla sicurezza sul lavoro per le radiazioni ottiche artificiali” OStrV.

*) Nota sulla classe laser 2 e 2M: Studi scientifici (FH Köln) hanno dimostrato che il riflesso di chiusura della palpebra (si verifica entro 0,25 s; un’irradiazione più lunga danneggia l’occhio) era presente solo in <20 % delle persone sottoposte al test. La presenza del riflesso di chiusura della palpebra per proteggere gli occhi non dovrebbe quindi essere assunta come regola. Pertanto, se la radiazione laser di classe 2 o 2M colpisce l’occhio, gli occhi devono essere deliberatamente chiusi o immediatamente evitati. Inoltre, va notato che il riflesso di chiusura delle palpebre avviene solo con luce visibile. La radiazione laser nel campo dell’infrarosso, ad esempio, non porta alla chiusura della palpebra, in quanto la radiazione non viene percepita dall’occhio. Pertanto, si raccomanda una gestione particolarmente attenta della radiazione laser invisibile.